Alcuni uomini: “Turi nun parrò, si fici ancora i fatti so’”

Per questo articolo volevamo parlare in maniera meno tecnica, volevamo annoiarvi di meno. Quindi abbiamo pensato di proporvi l’ascolto di una canzone emblematica e portatrice di un forte messaggio di denuncia.

Composta ed eseguita dal gruppo “I Cilliri”, in particolare da Carlo Muratori, e uscita nel 2001, si focalizza principalmente sull’omertà del siciliano medio. Turi, infatti, è il soprannome del nome più diffuso in Sicilia: Salvatore. Ascoltando la canzone ci vengono subito in mente due massime appartenenti alla cultura popolare degli abitanti dell’isola: “calati juncu ca passa a china” (trad. chinati giunco che passa la piena) e “non sento, non vedo, non parlo”. Evidenti espressioni dell’omertà, ci raccontano anch’esse come tante volte il popolo siciliano abbia subito senza accennare protesta. Come appunto dice la canzone, sin dall’antichità fu dominato da altri, da non siciliani, facendo prima riferimento alle antiche dominazioni arabe, poi al feudalesimo, periodo nel quale, tra l’altro, iniziarono ad esserci le prime storiche forme di prevaricazione tipiche della futura mafia, passando infine ai nostri giorni, e in particolare facendo riferimento al passato più vicino, parlando delle ciminiere e ricordandoci il Caso Mattei. Turi, piuttosto che ribellarsi a questi soprusi e violenze, fu pronto più spesso ad emigrare. Ma la canzone, oltre alla denuncia, ci comunica anche un’altra cosa: basta subire, il siciliano dovrebbe essere stanco di tutto ciò, non è possibile continuare a tollerare e non alzare mai la testa.

I Cilliri sottolineano questo messaggio, enfatizzandolo, quando, nella parte finale della canzone, adottano un tono diverso, più aggressivo, pieno di risentimento.


Di seguito il testo e la traduzione.


Turi nun parrò, si fici ancora ‘i fatti so’.

Turi è chiù contenti, si talia e nun dici nenti.

Quannu visti veniri ‘i matina di lu mari,

navi chi purtavunu gintazzi furasteri,

quannu ‘i visti fari e strafari cu putiri,

quannu s’addunò ch’eranu i so duminaturi.

Turi nun parrò, si fici ancora ‘i fatti so’.

Turi è chiù contenti, si talia e nun dici nenti.

Quannu si stuffò di chianciri ‘nto cavalieri,

ppi putiri aviri ‘n posto unni travagghiari,

quannu ‘ntisi ‘i figghi ‘n pezzi ‘i paniaddumanari,

quannu supra a ‘na navi iddu

fu prontu pp’emigrari.

Turi nun parrò, si fici ancora ‘i fatti so’.

Turi è chiù contenti, si talia e nun dici nenti.

Quannu ancora oggi ccu cuvernu e ccu li liggi,

si vidi arrubbari la so’ aria e lu so’ mari;

quannu comu a li funci spuntaru centu cimineri,

e ccu tuttu chissu iddu nun potti travagghiari.

Turi nun parrò, si fici ancora ‘i fatti so’.

Turi è chiù contenti, si talia e nun dici nenti.


Turi nun parrò, si fici ancora ‘i fatti so’.

Turi nun parrò e si fa ancora ‘i cazzi so’.

Turi nun parrò e si fici ancora ‘i fatti so’.

Turi nun parrò e si fa sempri ‘i cazzi so’.


Salvatore (turi) non parlò, si fece ancora i fatti suoi

Turi è più contento se guarda e non parla..

Quando vide venire una mattina dal mare

navi che portavano gentaglia di fuori,

quando li vide fare e strafare a loro piacimento.

quando capì che erano i suoi dominatori

Turi non parlò, si fece ancora gli affari suoi

Turi è più contento se guarda e non parla.

Quando si stancò di andare a supplicare il cavaliere

per poter avere un posto di lavoro,

quando sentì i suoi figli elemosinare un pezzo di pane

quando sopra una nave lui stesso

fu pronto ad emigrare

Turi non parlò, si fece ancora i fatti suoi

Turi è più contento se guarda e non parla..

Quando ancora oggi con il potere e con la legge

si vede portar via la sua aria e il suo mare,

e quando spuntarono come i funghi cento ciminiere

e con tutto ciò non gli permisero di lavorare..

Turi non parlò, si fece ancora i fatti suoi

Turi è più contento se guarda e non parla..

Turi non parlò, si fece ancora i fatti suoi

Turi è più contento se guarda e non parla

Turi non parlò, si fece ancora i fatti suoi

Turi non parlò e si fa sempre i cazzi suoi!..


Raffaele Pergolizzi, VE e Alessandro Manole, VE


0 visualizzazioni0 commenti